Di Più!

L'App

Google News App

screening tumore al colon

Il tumore al colon che ha colpito Pelè: da Aigo un appello alla prevenzione

La recente scomparsa del mito del calcio riporta in primo piano una patologia spesso asintomatica, dagli esiti a volte drammatici ma che si può prevenire: il tumore al colon

“La sintomatologia del tumore al colon è tardiva e spesso aspecifica, ma si può prevenire aderendo a partire dai 50 anni allo screening organizzato dall’SSN che prevede la ricerca del sangue occulto fecale e in caso di positività la colonscopia”, spiega il Dott. Fabio Monica Past President di Aigo Associazione Italiana Gastroenterologi ed Endoscopisti Digestivi Ospedalieri.

Tumore al colon, non dimenticare la prevenzione – immagine: Canva

Il cancro colon-rettale (CCR), tra i più aggressivi e di rapida progressione, è la terza neoplasia negli uomini (12%) e la seconda nelle donne (11,2%). “Si calcola – spiega il Dott. Fabio Monica – che in Italia almeno 500 mila persone abbiano avuto questo tumore e ogni anno se ne ammalino 51.000 e ne muoiano circa 19.000. La probabilità di ammalarsi aumenta progressivamente dopo i 50 anni ed è più elevata nei maschi”. La neoplasia insorge dalla proliferazione incontrollata delle cellule della mucosa della parete intestinale. Nella maggior parte dei casi si sviluppa a partire da polipi adenomatosi (proliferazioni cellulari benigne visibili mediante la colonscopia), che possono evolvere in senso maligno in circa 10-15 anni.

L’insorgenza della malattia è spesso inosservata perché i suoi sintomi si manifestano solo nel 40% dei casi, possono essere piuttosto generici e quindi molto facili da trascurare.

I principali “campanelli d’allarme” del tumore al colon sono: sangue nelle feci, sensazione di evacuazione incompleta e anemia.

Anemia, uno dei campanelli d’allarme del tumore al colon – immagine: Canva

La prevenzione è quindi molto importante. Secondo le raccomandazioni sullo screening oncologico del Ministero della Salute, dai 50 anni in poi, se non si hanno fattori di rischio particolari, è necessario effettuare un test per la ricerca di sangue occulto nelle feci, che mira a segnalare piccole tracce di sangue nascoste che devono indirizzare a con esami più approfonditi, come la colonscopia.
È necessario che tutti coloro che hanno superato 50 anni si sottopongano frequentemente a screening diagnostici: la ricerca del sangue occulto nelle feci è in grado di identificare circa il 25% dei tumori del colon, mentre la colonscopia è in grado di individuarne il 75%.

“Grazie alle campagne di screening e a una maggiore sensibilità alla prevenzione, in Italia, negli ultimi 6 anni, si è registrato un calo del 13% delle morti causate da tumore al colon”, conclude Fabio Monica. Per quanto concerne le abitudini di vita obesità e sedentarietà, carne rossa lavorata, eccesso alcolico sono tra i principali fattori di rischio, mentre una dieta ricca in frutta e verdura fresca, alimenti integrali, olio di oliva hanno un effetto protettivo: la dieta mediterranea.

Fonte: Ufficio stampa Mediamover