favorite
Tags
Podcast
Radio
tallonite

Tallonite, 5 rimedi per un sollievo immediato

Condividi

Uno dei disturbi più frequenti dei runner è la tallonite, l’infiammazione del tallone, spesso causata da sovraccarico o lesioni ripetute. Cosa fare nel caso il fastidio si presenti? E come prevenirla? La risposta a questa e a molte altre domande nel nostro articolo

La tallonite si manifesta con un dolore intenso solitamente quando i tessuti attorno all’osso del tallone diventano infiammati. Questo può avvenire a causa di un’attività eccessiva, come correre su superfici dure, saltare o indossare calzature non appropriate. Per prevenire questo disturbo è importante indossare calzature confortevoli e ben ammortizzate, evitare di sovraccaricare i piedi e seguire un regime di stretching regolare per mantenere i muscoli e i tendini flessibili.

Di solito il dolore si manifesta in maniera più intensa la mattina, in occasione dei primi passi dopo essere rimasti inattivi per il sonno notturno, e in genere tutte le volte che si ricomincia a camminare dopo essere rimasti seduti o fermi a lungo.

Tallonite, meglio consultare un medico

Tallonite, riconosciamo la patologia

Tallonite infantile, si manifesta in fase di crescita, di solito tra gli 8 e i 9 anni o tra i 13 e i 14. Trascurata in questa fase, la tallonite può anche portare, in avanti con l’età, alla formazione di un ispessimento dell’osso. In questo cosa potrebbe essere d’aiuto l’uso di plantari.

Corsa su terreni accidentati
tra le cause della tallonite

Cause più frequenti della tallonite:

  • alterazioni posturali primarie e secondarie
  • calzature non idonee alla conformità della pianta del piede (tacchi alti, scarpe sportive o anti infortunistiche)
  • reumatismi o artrosi
  • tendinopatia inserzionale, infiammazione causata dagli sport nei quali viene sollecitata la zona del tallone e del calcagno
  • malattie metaboliche, come la gotta, e reumatiche
  • obesità e sovrappeso.
Riposo è il primo rimedio

Quanto dura

La durata della tallonite dipende dalla gravità: in caso si verifichi a causa di un appoggio sbagliato del piede, di scarpe non consone o a corsa/camminata su terreni sconnessi, la durata è di solito di 15-20 giorni. Nei casi più gravi il problema può persistere per 2o anche 3 mesi.

Come si cura

Le onde d’urto sono, oggi, una valida modalità di intervento per far passare il dolore dovuto alla tallonite. L’intervento chirurgico è molto raro perché vi può essere il rischio di provocare delle lesioni alla fascia plantare. Altra terapia usata: le radiofrequenze e la terapia laser. In questi casi si elimina il dolore senza però agire sulla causa principale del disturbo.  

In caso il problema si manifesti è sempre bene consultare lo specialista. Tuttavia vi proponiamo alcuni dei rimedi più usati:

  • riposare il piede
  • impacchi di ghiaccio per ridurre l’infiammazione
  • esercizi di rafforzamento e stretching
  • impacchi con oli essenziali come l’olio di lavanda o aloe vera
  • integratori: omega 3,  il ribes nero, ricco di antiossidanti che possono aiutare a combattere il danno causato dai radicali liberi nei tessuti; il magnesio, essenziale per la salute muscolare e nervosa e la vitamina B5.