favorite
Tags
Podcast
Radio
pharma lovers

Pharma Lovers, farmacisti protagonisti della prima edizione a Padova

Condividi

Pharma Lovers, appena nato è già un brand. Il 18 novembre a Padova si è svolto il primo meeting dedicato ai giovani farmacisti. Presenti, oltre ai professionisti e agli esperti di settore, anche i grandi marchi della farmaceutica. Ne è uscita una giornata ricca di spunti

Sotto al cappello di Pharma Lovers, oltre a tante iniziative concrete che vanno dagli incontri in presenza al consolidamento di una community virtuale già molto dinamica, ci sta soprattutto un’idea: quella di supportare, consolidare e mettere in connessione i farmacisti. Se da un lato ci si confronta con la carenza di personale che affligge il mondo della sanità e che non risparmia neppure le farmacie, dall’altro il settore specifico della farmacia si riconosce un potente dovere: quello di preparare il terreno per le nuove generazioni di professionisti.

Ed è da queste basi che parte l’idea di Pharma Lovers, “uno spazio aperto dove parlare di marketing, di comunicazione, di tecnologia digitale, di formazione ma anche di management e retail, oltre agli aspetti legati alla realizzazione personale e al team della farmacia che sempre più interessano questo mondo. Essere Pharma Lovers vuol dire essere attivisti, vuol dire essere portatori sani del pensiero creativo (immaginazione, idee e innovazione) vuol dire vivere il qui, ora”. (Da account LinkedIn Pharma Lovers).

Pharma Lovers, Padova

Dal linguaggio totalmente diverso dal passato che oggi anche il farmacista è tenuto ad adottare per arrivare alla fascia più giovane di clienti/pazienti all’approccio alla professione, con l’ago della bilancia vita privata-lavoro che pende sempre di più verso la prima, anche la farmacia affronta le sfide che si stanno presentando alla maggior parte delle categorie professionali.

E lo vuole fare al meglio, con la serietà e l’equilibrio che la contraddistingue, tenendo bene a mente il suo fondamentale ruolo sociale, oltre che di servizio. Entriamo in farmacia per un consiglio, per una parola, per sentirci rassicurare o per metterci in guardia. Lo sapevamo già ma la pandemia ce lo ha confermato: la farmacia è il primo presidio medico sul territorio.

Il farmacista assume sempre più un ruolo centrale. Ecco perché eventi come Pharma Lovers diventano necessario momento per fare il punto sulle evoluzioni del mercato, sul rapporto tra industria e farmacia, sulle sfide della professione con il tema delle “grandi dimissioni” su tutti, sulla comunicazione e sull’intelligenza artificiale applicata al settore.

Pharma Lovers un momento dei lavori

Una delle parole ricorrenti della giornata di lavori è stata FORMAZIONE, un focus importate per i giovani che entrano in farmacia ma anche per i professionisti con maggiore esperienza che oggi sono a tutti gli effetti un interfaccia tra i pazienti/clienti e le case farmaceutiche.

Sono proprio le aziende a puntare sulla formazione, com’è emerso dai lavori di Pharma Lovers. Da Alfasigma a Reckitt a Fidia, tutte presenti all’incontro, la voce è unanime: il paziente/cliente oggi è molto attento ai suoi bisogni in tema di benessere, le aziende sono pronte a rispondere a questi bisogni e il farmacista è chiamato ad assolvere sempre più al suo ruolo di consulente.

Farmacisti pronti alla sfida della comunicazione e della comunicazione digitale in particolare, una modalità importante per raggiungere quella fetta di pazienti/clienti che non entra in farmacia o che per un fattore anagrafico utilizza i social per informarsi.

Un evento importante quello veicolato da Pharma Lovers, “per colmare il distacco generazionale – come ha detto Andrea Collesei, Presidente AFNT e Consigliere Ordine Farmacisti di Padova – che oggi costituisce spesso un problema per i giovani farmacisti in un’ottica di fidelizzazione, per mettere le esperienze maggiormente a fattore comune con le aziende e per lavorare di più sul tema della formazione”.

Andrea Collesei, Presidente AFNT e Consigliere Ordine Farmacisti di Padova, ph Nicolò Baronio

“In questa giornata – ha concluso Pierangelo Fissore, founder di Pharma Lovers – la realtà virtuale della community è diventata reale. Noi vogliamo far diventare i giovani protagonisti”.

Pierangelo Fissore, founder Pharma Lovers, ph Nicolò Baronio