00 : 00
[wp-night-mode-button]
Offcanvas
mascherine ffp2

Mascherine Ffp2, quali scegliere? I consigli dell’esperto

Mascherine Ffp2, ce ne sono di svariati modelli e colori ma non tutte rispettano gli standard di sicurezza. Ne abbiamo parlato con il dott. Federico Pecoraro, Vice Direttore del Dipartimento Laboratori di Prova di Accredia

Accredia  è l’ente unico nazionale di accreditamento, designato dal Governo italiano, per accreditare organismi che certificano la validità delle mascherine, laboratori di prova (che fanno test sulle mascherine) e laboratori di taratura. Accredia, per rilasciare gli accreditamenti, verifica che organismi e laboratori – per certificare beni e servizi – abbiano i requisiti di competenza, imparzialità e indipendenza.

Accredia è uno dei soggetti più esperti in materia: tutti i DPI per essere messi in commercio devono essere certificati da Organismi di certificazione, accreditati – per il mercato italiano – da Accredia.

Sin dall’inizio della pandemia, Accredia ha supportato le istituzioni, nel fornire tutto il suo know-how in materia, e nella lotta alla contraffazione.

Mascherine Ffp2

“Sono diversi i modelli di mascherine che si trovano sul mercato – ci ha detto l’esperto. – Oggi, dopo due anni di pandemia, c’è una forte produzione e quindi è importante orientarsi su quelle che sono state certificate.

Sfondo foto creata da benzoix – it.freepik.com

La mascherina Ffp2 deve riportare 5 elementi:

  1. denominazione del marchio del fabbricante
  2. nome del modello, di solito un nome di fantasia dato dal produttore
  3. la sigla Ffp2 seguita da una sigla NR non riutilizzabile o RD riutilizzabile
  4. la sigla EN 149 che norma la certificazione delle mascherine
  5. il marchio CE seguito da un numero a 4 cifre che certifica l’organismo che ha autorizzato l’emissione sul mercato di quel modello di mascherina e che esercita la sorveglianza sul produttore.

La confezione poi deve riportare l’indirizzo del produttore. Tutti questi elementi permettono di riconoscere le mascherine Ffp2 certificate e sicure.

Salute vettore creata da freepik – it.freepik.com

“Per le mascherine Ffp2 riutilizzabili – prosegue il dott. Pecoraro – bisogna che il produttore alleghi le istruzioni su come usare la mascherina e come trattare la mascherina da un utilizzo all’altro. Solo quelle indicazioni devono essere seguite.

Per i bambini i dettagli ai quali prestare attenzione sono gli stessi appena elencati con l’attenzione alle dimensioni in modo che le mascherine Ffp2 siano adatte al volto più piccolo dei bambini. Resta fermo il fatto che le mascherine non hanno controindicazioni per i bambini”.

Ricordiamo che le mascherine, l’igienizzazione di mani e superfici e il distanziamento restano ottime norme di condotta.

Dorotea Rosso

Immagine di copertina: Scuola foto creata da wirestock – it.freepik.com

©2022 Radio Salute®