00 : 00
[wp-night-mode-button]
medici

II Giornata nazionale del personale sanitario, 2 anni di pandemia

Il 20 febbraio 2022 si celebra la II Giornata nazionale del personale sanitario che ricorda il grande impegno dei sanitari durante questa terribile pandemia da Covid-19

Nata da un’idea del regista Ferzan Ozpetek e del paroliere Mogol, e istituita con la legge n.155 del 13 novembre 2020, la ricorrenza costituisce un “momento per onorare il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio del personale medico, sanitario, sociosanitario, socioassistenziale e del volontariato nel corso della pandemia da Coronavirus”.

La data del 20 febbraio è stata scelta in quanto in quel giorno, a Codogno, fu scoperto il “paziente uno”.

Importanti le parole del nostro Presidente, Sergio Mattarella:

“In occasione della seconda Giornata nazionale del personale sanitario, sociosanitario, socioassistenziale e del volontariato desidero sottolineare ancora una volta il ruolo cruciale svolto da tutto il personale del comparto sanità e del volontariato nella tutela della salute collettiva. Da quando il nostro Paese è stato duramente colpito dall’insorgere, repentino e inatteso, di una emergenza sanitaria di così vasta portata, gli operatori di tali categorie si sono trovati all’improvviso in prima linea a fronteggiare un nemico per molti versi sconosciuto. E’ grazie alla loro preparazione professionale e al loro spirito di sacrificio che è stato possibile arginare il rischio di perdite ancor più ingenti di quelle, già dolorosissime, che abbiamo dovuto patire.

Sono in programma investimenti e nuove strategie per garantire una migliore qualità della cura e dell’assistenza, per accrescere la capacità di prevenzione, per ridare centralità alla persona e al territorio nel quale vive: ma l’efficacia delle riforme, come sempre, è legata alla qualità e all’impegno di chi concretamente la fa vivere con il proprio lavoro e con la propria passione. Quanto è avvenuto in questi anni difficili è motivo di rassicurazione per gli italiani. Oggi è, pertanto, occasione per me e per tutto il popolo italiano di rendere omaggio all’impegno del personale sanitario e del volontariato e di unirci nel ricordo, grato e doloroso, di quanti hanno pagato con l’estremo sacrificio la propria inclinazione all’altruismo”.

Consulta la pagina Facebook del Ministero della Salute.

Anche il Papa all’Angelus ha ricordato che oggi è la Giornata nazionale del personale sanitario. “Dobbiamo ricordare tanti medici, infermiere e infermieri, volontari che stanno vicino agli ammalti, li curano, fanno sentire meglio, li aiutano”, “nessuno si salva da solo”. “Nella malattia abbiamo bisogno di qualcuno che ci salvi, che ci aiuti” e “l’eroico personale sanitario” ha mostrato la sua “eroicità al tempo del Covid ma rimane l’eroicità tutti i giorni. Ai nostri medici, infermiere e infermieri un applauso e un grazie grande”, ha detto il Papa invitando i fedeli in piazza San Pietro a battere le mani.

“Se il Paese ha retto a una prova così difficile, pur pagando un prezzo importante in termini di vite umane, ma anche in termini di chiusure e di cambiamenti delle nostre esistenze, è perché abbiamo uno straordinario Servizio sanitario nazionale che dobbiamo difendere e di cui il cuore sono le donne e gli uomini che lo animano”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, alla Fnomceo per la 2/a giornata del personale sanitario al quale rivolge “gratitudine” sottolineando la fine della stagione dei tagli e gli investimenti in campo: 124mld nell’ultima legge di Bilancio, 20mld del Pnrr e i fondi Ue sulle aree disagiate.

“Due anni fa fummo costretti a fare scelte difficili, oggi il 91% della popolazione sopra i 12 anni si è vaccinata e questo ci mette nelle condizioni di gestire in maniera del tutto diversa la pandemia, che purtroppo è ancora in corso, e ci sta permettendo in queste ore di piegare la curva senza ricorrere a chiusure generalizzate”, aggiunge Speranza.” Abbiamo somministrato in 13 mesi e mezzo 133 milioni di dosi e questo lo può fare solo un grande Paese, solo un grande Servizio sanitario nazionale fatto – ha detto – di uomini e donne come voi”. 

Leggi anche il nostro articolo sulle mascherine ffp2

Redazione

Immagine copertina da pagina Facebook Ministero della Salute

©2022 Radio Salute®