favorite
Tags
Podcast
Radio
medico

Giornata del medico, a Padova si celebra l’umana intuizione tra scienza e intelletto

Condividi

L’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Padova ogni anno organizza e promuove l’evento istituzionale “Giornata del Medico e dell’Odontoiatra”, momento celebrativo dedicato agli iscritti, con larga apertura alla realtà istituzionale e sociale della Provincia

Giornata del Medico 2023: La scintilla di Dio. L’umana intuizione tra scienza e intelletto

Quest’anno l’evento si svolgerà sabato 2 dicembre nell’Aula Magna del Bo (dalle ore 9.30). Il tema scelto per quest’anno è “La scintilla di Dio. L’umana intuizione tra scienza e intelletto”, tema ispirato da due interventi chirurgici eseguiti a Padova, i quali, secondo le tecniche accreditate e le tecnologie disponibili, non si sarebbero potuti effettuare: il primo trapianto di cuore in Italia realizzato grazie a una donazione a cuore fermo, eseguito dalla equipe del Prof. Gino Gerosa; e il primo trapianto in Italia e in Europa di due fegati, di due donatori viventi, in un unico ricevente eseguito dalla equipe del Prof. Umberto Cillo.

«La domanda è: c’è qualche algoritmo che può fare questo? La nostra risposta è no! – anticipa il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Padova Dottor Domenico Maria Crisarà –. Da qui è partita la nostra riflessione, rivolta in particolare ai giovani, per far capire che in questa professione senza il lato umanistico la tecnologia non è sufficiente.

Vorremmo lanciare il messaggio al medico e alle persone che solo con le macchine non è possibile svolgere la nostra professione: alla tecnologia che senz’altro raggiunge sempre nuove frontiere e conquista impensabili traguardi, va guidata con la capacità intuitiva e di ‘andare oltre’, che è tipicamente umana. E non vi sono algoritmi in grado di replicare o sostituire la genialità intrinseca alla umana intuizione. La nostra Professione non può quindi essere svolta senza coltivare, e talvolta senza farsi guidare, dalla nostra umanità.»

E i fatti lo dimostrano: l’esecuzione ed il successo di questi due innovativi interventi chirurgici sono dipesi unicamente dalla “scintilla di Dio” incarnata nell’intelletto umano. Per questo, ad illustrare il Tema, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Padova ha invitato padre Giorgio Bonaccorso, Teologo, docente presso l’Istituto di Liturgia Pastorale di Santa Giustina (Padova) che nei suoi studi si è occupato di filosofia, antropologia e di recente anche di neuroscienze.

Intelligenza artificiale applicata al medico

Medico e intelligenza artificiale

Nel suo intervento padre Bonaccorso prenderà in considerazione l’intelligenza naturale e l’intelligenza artificiale entro il quadro del paradigma della complessità: un paradigma che consente di mantenere l’unità di fondo di tutto ciò che esiste, compresa l’unità tra natura e cultura, tra biologico e tecnologico, senza perdere di vista però quelle differenze che impediscono una troppo semplicistica riduzione a un solo livello della realtà o a una sola teoria. Riguardo all’intelligenza, proprio l’irriducibilità di quella umana è stata ed è la condizione dello sviluppo della stessa scienza e della stessa tecnica che hanno prodotto l’intelligenza artificiale.

A seguire vi saranno i saluti del Professor Gino Gerosa Professore Ordinario di Cardiochirurgia, Direttore UOC di Cardiochirurgia, Direttore Programma Trapianti di cuore e assistenze meccaniche Azienda Ospedale Università Padova, e del Professor Umberto Cillo Professore Ordinario di Chirurgia, Direttore UOC di Chirurgia Generale 2 Epato-bilio-pancreatica e Trapianti di fegato Azienda Ospedale Università Padova, Direttore del Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche (DiSCOG) che illustreranno e commenteranno gli interventi da loro eseguiti, autentici capisaldi nella chirurgia dei trapianti, a dimostrazione che ogni frontiera si può oltrepassare certamente con l’aiuto della tecnologia, ma solo grazie alla umana intuizione.

Quindi si procederà con la Cerimonia di premiazione degli iscritti presenti che festeggiano il 50° anno di laurea e il con il Giuramento dei nuovi iscritti.

Fonte: Ufficio stampa Ordine del Medici e Odontoiatri di Padova