favorite
Tags
Podcast
Radio
ernia ombelicale

Ernia ombelicale, sintomi e possibili soluzioni di un problema diffuso

Condividi

L’ernia ombelicale è una condizione comune in cui parte del tessuto addominale sporge attraverso un punto debole nella zona dell’ombelico. Spesso si manifesta come una protuberanza o un rigonfiamento visibile all’ombelico e può causare disagio o dolore

Secondo ISSalute A seconda dell’età in cui compaiono, le ernie ombelicali possono essere così suddivise:

  • ernia embrionale o fetale, difetto causato dalla chiusura incompleta o difettosa della parete addominale. Compare durante la vita intrauterina
  • ernia neonatale o del bambino, si manifesta dopo la caduta del cordone ombelicale
  • ernia ombelicale nell’adulto, può insorgere in età adulta in seguito ad ascite, cirrosi, gravidanze multiple, tumori della cavità addominale e obesità o in seguito ad uno sforzo eccessivo in caso di scarso tono muscolare.
Ernia ombelicale, sintomi e soluzioni

Sintomi dell’ernia ombelicale

I sintomi dell’ernia ombelicale possono variare da lievi a gravi e possono includere una protuberanza visibile o un rigonfiamento all’ombelico, che può aumentare di dimensioni durante il movimento o lo sforzo. Alcune persone possono notare dolore o disagio nella zona dell’ernia, specialmente quando si tossisce, si starnutisce o ci si sforza.

Ernia, può essere causata da uno sforzo

L’ernia ombelicale si verifica quando c’è un punto debole nella parete muscolare dell’addome attorno all’ombelico. Alcuni fattori che possono contribuire alla formazione di un’ernia ombelicale includono l’aumento della pressione addominale, come quello associato alla gravidanza o all’obesità; la debolezza congenita dei muscoli addominali; e la presenza di una cicatrice o una ferita nell’area ombelicale a seguito di una precedente chirurgia.

Ernia, l’obesità è una delle cause

La diagnosi di ernia ombelicale di solito viene effettuata attraverso un esame fisico approfondito da parte di un medico, in cui la protuberanza all’ombelico è tipicamente evidente. La storia clinica del paziente e la valutazione dei sintomi possono aiutare a confermare la diagnosi. A volte, possono essere necessari ulteriori esami di imaging, come una ecografia, per valutare l’estensione dell’ernia e rilevare eventuali complicanze potenziali.

La maggior parte delle ernie ombelicali non richiede una terapia immediata se non causano sintomi significativi o complicazioni. Tuttavia, in caso di sintomi o se l’ernia diventa più grande, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare il difetto. Durante l’intervento, il chirurgo chiuderà l’apertura debole e riposizionerà i tessuti nella giusta posizione. In alcuni casi, possono essere utilizzate protesi o maglie per rafforzare la zona riparata. Dopo l’intervento, possono essere necessari alcuni giorni di riposo e un periodo di recupero graduale.

Se non trattata, l’ernia ombelicale può portare a diverse complicazioni. Una di queste è l’incarcerazione, in cui il tessuto protratto diventa intrappolato nella parete muscolare e non può essere riposizionato manualmente. Questa condizione richiede un intervento chirurgico. Un’altra possibile complicazione è l’occlusione intestinale, in cui l’intestino diventa ostruito a causa dell’ernia, causando dolore addominale acuto, nausea e vomito.

Se si sospetta di avere un’ernia ombelicale o si manifestano sintomi sospetti, è fondamentale cercare un consulto medico per una diagnosi accurata e un trattamento adeguato. La riparazione chirurgica può essere necessaria in alcuni casi, ma la maggior parte delle ernie ombelicali non richiede un intervento immediato.