favorite
Tags
Podcast
Radio
cambio stagione

Bambini e cambio stagione, come aiutarli

Condividi

Il cambio stagione sta entrando nella sua fase cruciale e i nostri bambini possono subire maggiori fonti di stress. Stanchezza generale, mancanza di energia, cambiamenti di umore, riduzione dell’appetito e alterazioni del sonno sono i segnali più comuni, che si possono evidenziare anche nei più piccoli. I consigli di Punto Salute

Ascolta il podcast con i consigli di Luigi Cavalieri, direttore di ProfiloSalute

Il cambio stagione e l’iniziale aumento delle temperature sono fenomeni ai quali l’organismo si deve adattare, ed è per questo che poche, ma buone abitudini si rivelano fondamentali per recuperare buon umore ed energia.

Il primo passo al cambio stagione è sostenere i più piccoli con un’alimentazione sana e adeguata, ricca di vitamine e sali minerali, prediligendo frutta e verdura di stagione, carni bianche, uova, cereali integrali e pesce al vapore, riducendo, nel contempo, l’apporto di alimenti ricchi di zuccheri e farine raffinate. L’assunzione  di un integratore alimentare con un adeguato apporto di vitamine e minerali (vitamina C, D, vitamine del gruppo B, magnesio e potassio) può aiutare ad aumentare le energie ed a sostenere le difese immunitarie.

Corretta alimentazione al cambio stagione

Anche il sonno gioca un ruolo determinante in questo momento, poiché il carico scolastico, unito al cambio stagionale e alle attività sportive, cui spesso i nostri bambini si dedicano, possono comportare maggiore spossatezza e astenia. É utile, quindi, ad secondare  loro pisolini pomeridiani, poiché favoriranno il ripristino delle forze. Infine, trascorrere del tempo al sole, facendo attività all’aperto può aiutare  i bambini ad adattarsi più velocemente l’arrivo della primavera.

Buon sonno al cambio stagione

É sicuramente un momento delicato quello che precede la fine dell’anno scolastico, ma, con pochi e semplici accorgimenti, possiamo davvero far superare ai nostri bambini questo periodo senza grandi intoppi, purché si tenga sempre presente che il primo vero integratore siamo noi genitori.

Luigi Cavalieri