favorite
Tags
Podcast
Radio
acqua e sport

Acqua e sport, l’importanza della corretta idratazione

Condividi

“Quanto bere, quando bere, cosa bere” è il titolo del convegno che si è tenuto a Roma nei giorni scorsi. Organizzato dalla Fondazione ACQUA, l’evento promuove la cultura dell’acqua da bere, quando acqua e sport sono un binomio indissolubile

Sottolineare l’importanza di una corretta idratazione per lo sportivo e soprattutto definire le modalità della giusta assunzione di acqua. Questi i principali obiettivi del convegno che ha visto, nei giorni scorsi a Roma, la partecipazione di Andrea Abodi – Ministro per lo Sport, Giovanni Malagò, Presidente Coni che ha trattato il tema dello sport come strumento di salute e benessere e successivamente l’intervento di Ettore Fortuna, Presidente Fondazione Acqua.

Acqua e sport, binomio vincente

Importanti i focus dei relatori sulla relazione acqua e sport: Acqua, nutrizione e sport per una longevità sana tenuto da Claudio Franceschi – Professore di Immunologia Università Alma Mater Bologna; Idratazione di qualità, sport e sarcopenia con l’intervento di Luigi Di Luigi – Professore di Endocrinologia Università di Roma Foro Italico Federazione Medico Sportiva Italiana e Acqua di qualità e vitamina D per uno sport sano e performante tenuto da Andrea Fabbri – Professore di Endocrinologia Università di Roma Tor Vergata.

Altre autorevoli testimonianze sull’importanza di una buona idratazione di qualità, necessaria per la migliore performance sportiva, con Elena Micheli – Campionessa mondiale di Pentathlon Moderno e Antonio La Torre – Direttore tecnico e scientifico FIDAL e Professore Associato Metodi e didattiche delle attività sportive dell’Università degli studi di Milano.

Il convegno sulla relazione tra acqua e sport è stato l’occasione per illustrare il rapporto tra acqua e attività fisica in relazione all’importanza di una corretta idratazione per il benessere corporeo, sottolineando i vantaggi apportati dal bere acqua di qualità nelle prestazioni dello sportivo, sia di élite che amatoriale. Un focus avviato dalla Fondazione ACQUA sui vantaggi di una corretta idratazione per chi pratica regolarmente attività fisica al fine di massimizzare la prestazione atletica ed evitare l’affaticamento dell’organismo.

L’acqua è un elemento essenziale nella fisiologia dell’uomo. Il corpo umano è composto in prevalenza di acqua che, aldilà del tessuto osseo, costituisce dal 70% al 95% dei differenti organi e tessuti umani. L’acqua è un elemento chimico ben conosciuto, ma ancora poco si sa sul suo comportamento “sociale” e sul suo ruolo biologico nelle differenti cellule umane, dove probabilmente esercita un ruolo proattivo e determinante in numerose funzioni biologiche.

Acqua e sport

Iniziare un’attività sportiva in condizioni di buona idratazione ed idratarsi adeguatamente durante una competizione e nel recupero è essenziale per evitare seri rischi per la salute. Bere nella quantità adeguata permette alle cellule e a tutti i loro preziosi meccanismi di funzionare al meglio; una perdita di acqua pari solo all’1-2% del peso corporeo può influire negativamente sul rendimento fisico e sulle capacità cognitive. Soprattutto per chi pratica sport, è importante reintegrare i liquidi e i sali minerali persi durante l’attività fisica tra i quali calcio, magnesio e potassio.

Fonte: ufficio stampa  3rd Floor Public Relations

Acqua e sport, come regolarsi

Durante l’attività fisica, il nostro corpo produce calore che deve essere dissipato per mantenere la temperatura corporea all’interno dei limiti sicuri. Il sudore è il principale meccanismo utilizzato dal nostro corpo per raffreddarsi, ma con il sudore perdiamo anche una quantità significativa di liquidi e di elettroliti essenziali come il sodio e il potassio. La disidratazione può compromettere la nostra prestazione fisica e aumentare il rischio di sperimentare crampi muscolari, affaticamento eccessivo e colpo di calore.

Crampi muscolari

Quando bere acqua durante l’attività sportiva

La domanda principale che ci si pone è: quando dovrei bere acqua durante l’esercizio fisico? La risposta dipende da vari fattori come l’intensità dell’esercizio, la durata e le condizioni ambientali. È fondamentale iniziare l’attività fisica adeguatamente idratati, quindi bere circa 400-600 ml di acqua due ore prima di iniziare. Durante l’allenamento o la competizione, è consigliabile bere regolarmente piccole quantità di liquidi per mantenere una corretta idratazione. Si consiglia di bere circa 150-250 ml ogni 15-20 minuti di esercizio. Questo valore può variare in base alle esigenze individuali e alla sudorazione.

Acqua e sport, meglio bere regolarmente

Le raccomandazioni generali suggeriscono di bere acqua regolarmente durante l’attività fisica, invece di aspettare di essere assetati. Bere piccole quantità di liquidi in modo costante è più efficace rispetto a bere grandi quantità in un solo momento. È importante iniziare l’attività previamente idratati, ma è altrettanto importante continuare a bere durante l’esercizio per mantenere un adeguato equilibrio idrico. Tuttavia, è importante sottolineare che ogni individuo è diverso e potrebbe richiedere un diverso regime di idratazione. Le condizioni ambientali, come ad esempio l’umidità e la temperatura, possono influenzare la quantità di sudore prodotta, quindi la quantità di liquidi da bere può variare di conseguenza.