grasso

Accelerare il metabolismo per dimagrire, i consigli del dietista

Difficoltà a perdere peso, succede a molte persone, nonostante un corretto regime alimentare. Questo problema è strettamente legato a una corretta misurazione dello stato metabolico. Il Centro Accelerazione Metabolismo (CAM) di Milano è la prima struttura in Italia a dedicarsi unicamente alla cura del metabolismo.

Ne abbiamo parlato con il dott. Marcello Spiaggi, dietista del Centro Accelerazione Metabolismo di Milano

Accelerare il metabolismo per dimagrire

Ce ne ha parlato il dott. Spiaggi, dietista. Questi i suoi consigli.

Molte persone si ritrovano ad avere chili e adiposità in eccesso da dover smaltire, anche a causa di questo particolare periodo che ha portato un po’ a tutti ad una maggiore sedentarietà e a stili alimentari scorretti. Diete troppo rigide, magari usate in passato per cercare di dimagrire, nonché il passare dell’età, possono però aver portato ad un rallentamento del metabolismo, favorendo anche uno stato infiammatorio chiamato inflammasoma che colpisce la membrana delle cellule adipose, bloccando i recettori del dimagrimento, con conseguente difficoltà nella perdita di peso e una facilità invece nell’accumularlo.

L’inflammasoma è una condizione clinica molto diffusa dopo i 40 anni che, a causa di un eccesso di zuccheri nel sangue o alimentazione scorretta (altre cause sono legate alle stimolazioni ormonali, gravidanze, stress quotidiano), porta la membrana delle cellule di grasso a essere “ricoperta” da un gel di glicoproteine infiammatorie che inibiscono i recettori del dimagrimento. Per questa ragione infiammatoria, anche se seguiamo un regime alimentare ipocalorico, fatichiamo a perdere peso e spesso, dopo i primi kg, il dimagrimento si arresta.

Ritrovare la forma fisica passa anche dalla diminuzione dello stato di infiammazione, associando un percorso alimentare che rigeneri il metabolismo del paziente, piuttosto che dietoterapie eccessivamente restrittive che al contrario tendono ad abbatterlo. La somma di tutti questi interventi porterà la persona a dimagrire, raggiungendo la forma fisica ideale in maniera veloce ed efficace.

L’acceleratore metabolico, l’insufflatore criogenico e altri macchinari sfruttanti la terapia del freddo e la radiofrequenza multipolare no-touch possono aiutare a potenziare la velocità di dimagrimento.

Perdere peso in zone specifiche, il sogno di tutti

Quando si dimagrisce non si può chiedere al proprio corpo di togliere i cuscinetti adiposi esattamente là dove noi vorremmo toglierli perché antiestetici lasciando spesso questo fattore alla casualità; similarmente quando parliamo genericamente di metabolismo in realtà tralasciamo il fatto che ogni singolo tessuto del nostro corpo ha il suo.

Si può unire lo sblocco e accelerazione del metabolismo mediante la terapia del freddo ad una dieta e ad attrezzature specifiche che agiscono su siti specifici avendo il miglior risultato estetico.

Importante una sana alimentazione

“Seguire uno stile alimentare corretto è fondamentale, spiega il dott. Spiaggi. Uso spesso una metafora: è come se noi stessimo seduti su una barchetta e stessimo cercando di svuotarla dall’acqua che è entrata con un secchiello. In primo luogo è fondamentale tappare i buchi da cui è entrata quest’acqua ovvero il nostro grasso e il tappo è una buona alimentazione senza errori che ci permette di non imbarcare nuovo liquido, dopodiché sarebbe interessante per svuotare l’acqua rimanente all’interno della nostra barca, anziché avere in mano un secchiello avere in mano un vero e proprio secchio di grandi dimensioni per migliorare l’efficienza dello svuotamento”.

Accelerare il metabolismo corrisponde ad avere un vero e proprio secchio ovvero un più alto livello metabolico per eliminare il grasso dal corpo.

“Per innescare questo processo – prosegue l’esperto – non occorre adottare stili alimentari rigidi ma ogni linea alimentare prevede l’assunzione quotidiana di carboidrati in dosaggi piacevoli spesso invece eliminati per cercare di abbattere il peso”.

Carboidrati

Acceleratore metabolico criogenico

Acceleratore metabolico criogenico fornisce un effetto termogenico utile a bruciare tantissime calorie, come dopo un’intensa attività fisica. La vasocostrizione legata allo shock termico è seguita, una volta tornati alla temperatura ambiente, a un’immediata vasodilatazione con l’aumento del volume dei vasi sanguigni di quattro volte rispetto al normale. Tutto ciò avviene per irrorare e riscaldare, nel più breve tempo possibile, le zone periferiche.

Il sangue, arricchito di ossigeno, enzimi e nutrienti, riesce a raggiungere ogni parte dell’organismo generando una iper ossigenazione dei tessuti e favorendo la disintossicazione cellulare. Si ottiene un netto incremento del metabolismo e si bruciano i grassi depositati nel tessuto adiposo.

Redazione

Fonte immagini: Pexels

©2021 Radio Salute®

Articoli Correlati